FORUM LA BELLEZZA NELL'ARTE
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze;

3 partecipanti

Andare in basso

Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze; Empty Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze;

Messaggio Da Notaio Sab 27 Dic 2014, 20:31

Sono diversi mesi che leggo e che ricevo notizie contrastanti su questo artista, venuto alla ribalta commercialmente da pochi anni, pur essendo lui un ragazzo del 1929.

Alcuni amici vorrebbero investire su di lui, seguendo i consigli di chi compra solo per investimento e speculazione, ma sono allibiti di come stia evolvendo il suo mercato negli ultimi mesi.
La domanda che mi pongono è se il suo mercato secondario sia o meno veritiero visto a quanto si vendevano le sue opere solo pochi anni fa in asta o tra privati collezionisti anche in rete.
Tenete conto che il mercato primario di questo artista è sempre stato di piccolo prezzo, dove opere anche di grandi dimensioni venivano vendute sul secondario solo 4-6 anni fa, a cifre ridicole come stime e aggiudicazioni, spesso con invenduti a manetta.

Vi faccio un esempio semplice e concreto.
Asta alla Meeting un olio 120x100 a maggio del 2007 si stimava 6200-7200, fu venduto a 6000 euro.
Asta del maggio 2008 a Milano da Sotheby's, un olio 135x100, stima 8-10mila euro, va invenduto.
Asta 17 ottobre 2014, da Sotheby's a Londra, un olio in trittico (con questa dicitira  Set of 3: Acrylic on canvas on shaped board
Dimensions : The smallest, the largest Cm : 56 x 104 cm), stima 80-120 mila sterline, fa il super record dell'artista con 249.446 euro, trovando un ricco e poco intelligente collezionista o una serie di ricchi e furbi mercanti?
Asta alla Meeting 6 dicembre 2014, un olio 100x100, stima 20-22mila, viene venduto a 26mila euro.
Non mi sembra ci sia molta logica in questo mercato.


Visto che sono mesi che ci propinano in riviste di ogni tipo, pubblicità di mostre in galleria e di opere in asta, stabilire che su di lui sia in corso una speculazione economica è sin troppo facile, è ridicolo.
Sembra proprio che la benedizione dei mercanti che creano speculazione abbia raggiunto anche lui, alla veneranda età di 85 anni.

Prendiamo atto di quanto segue, ricordandoci che queste cose nel mondo dell'arte sono le più pericolose e rischiose, cioè le ascese improvvise dei prezzi in pochi anni o come nel caso di Simeti in pochi mesi.

Dalla disamina del suo secondario non si percepisce un granchè, anzi si percepisce la tendenza a cavalcare il periodo di vacche grasse appena inaugurato.
Chi sta vendendo sta presentando cifre stellari rispetto a pochi mesi fa, ma non c'è alcuna garanzia di vendita naturalmente. Meno che mai in Italia.

Controllate da soli cliccando qui sotto, prendendo a riferimento solo due siti.

http://it.artprice.com/piazza-del-mercato/list?utf8=%E2%9C%93&term=turi+simeti

[url= http://www.ebay.it/sch/Arte-e-Antiquariato-/353/i.html?_from=R40|R40&_nkw=turi+simeti&LH_PrefLoc=2&_sop=3]http://www.ebay.it/sch/Arte-e-Antiquariato-/353/i.html?_from=R40|R40&_nkw=turi+simeti&LH_PrefLoc=2&_sop=3[/url]



Sul secondario in Italia si vende al 10% del prezzo record gonfiato di Londra stabilito ad ottobre.

Ma secondo voi come si fa a consigliare a qualcuno quale sia il prezzo di acquisto possibile di fronte a una speculazione come questa, dove le occasioni sul secondario possono avere oscillazioni che superano il 70% del primario?
Notaio
Notaio
Admin

Messaggi : 3936
Data d'iscrizione : 16.05.14

https://labellezzanellarte.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze; Empty Re: Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze;

Messaggio Da salvo Sab 27 Dic 2014, 20:52

voci di corridoio dicono che la galleria tornabuoni abbia preso sotto la sua ala protettiva il lavoro dell artista vendendo non so quante opere nella monografica fatta a Parigi! dico parigi e non l astucola del ciufolo della meeting! a me l artista non piace ma e' vero che il mercato va consolidandosi quando i galleristi tutti sono i primi a crederci e sono loro stessi a litigarseli nelle aste(cio' che non accade per l artista con la sciabola e non accadra' mai secondo me),il fatto che si vendano opere al 10%,spesso sono privati che non adeguano i prezzi ma semplicemente realizzano!
faccio un esempio su un mercato che conosco un po meglio,tutti i lotti di bonalumi che passano in asta sono i galleristi stessi a contenderseli perche' il settore ha percepito che siamo solo all inizio di una crescita economica voluta dall intera comunita! una sorta di febbre contagiosa che va alimentata! un delirio di massa che non si alimenta sicuramente con invenduti, soprattutto nelle sedi principali d asta!
salvo
salvo

Messaggi : 1606
Data d'iscrizione : 01.06.14

Torna in alto Andare in basso

Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze; Empty Re: Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze;

Messaggio Da salvo Sab 27 Dic 2014, 20:58

notaio ti segnalo un testo molto attuale sul mercato dell arte!
chiara zampetti egidi Guida al mercato dell arte moderna e contemporanea edizioni skira!
salvo
salvo

Messaggi : 1606
Data d'iscrizione : 01.06.14

Torna in alto Andare in basso

Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze; Empty Re: Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze;

Messaggio Da salvo Sab 27 Dic 2014, 20:59

interessante l intervento dei piu' importanti addetti ai lavori!
salvo
salvo

Messaggi : 1606
Data d'iscrizione : 01.06.14

Torna in alto Andare in basso

Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze; Empty Re: Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze;

Messaggio Da Notaio Sab 27 Dic 2014, 23:07

salvo ha scritto:notaio ti segnalo un testo molto attuale sul mercato dell arte!
chiara zampetti egidi Guida al mercato dell arte moderna e contemporanea edizioni skira!

Ho già preso nota e mi sono letto l'intervista all'autrice. Pillole di verità che aumentano la consapevolezza di trovarci di fronte ad un mondo molto complicato, spesso indecifrabile.

Del resto se i galleristi credono in un artista, clone di tanti altri, solo quando inizia ad avere il biglietto prenotato per giocare a carte con S.Pietro, un motivo ci sarà.

Su questo artista in ogni caso la volatilità è altissima.
Notaio
Notaio
Admin

Messaggi : 3936
Data d'iscrizione : 16.05.14

https://labellezzanellarte.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze; Empty Re: Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze;

Messaggio Da Notaio Dom 28 Dic 2014, 13:04

salvo ha scritto:voci di corridoio dicono che la galleria tornabuoni abbia preso sotto la sua ala protettiva il lavoro dell artista vendendo non so quante opere nella monografica fatta a Parigi! dico parigi e non l astucola del ciufolo della meeting! a me l artista non piace ma e' vero che il mercato va consolidandosi quando i galleristi tutti sono i primi a crederci e sono loro stessi a litigarseli nelle aste(cio' che non accade per l artista con la sciabola e non accadra' mai secondo me),il fatto che si vendano opere al 10%,spesso sono privati che non adeguano i prezzi ma semplicemente realizzano!
faccio un esempio su un mercato che conosco un po meglio,tutti i lotti di bonalumi che passano in asta sono i galleristi stessi a contenderseli perche' il settore ha percepito che siamo solo all inizio di una crescita economica voluta dall intera comunita! una sorta di febbre contagiosa che va alimentata! un delirio di massa che non si alimenta sicuramente con invenduti, soprattutto nelle sedi principali d asta!

A proposito di questa notizia, ti confermo che corrisponde al vero visto che nell'ultimo numero di Arte In (dicembre-gennaio 2015), nella sezione vernissage, ci sono le foto dell'artista e della personale realizzata a Parigi da Tornabuoni.
Sulla volatilità siamo appena all'inizio. Aspettiamo per capire meglio se sbolla o meno anche questo nome.
Notaio
Notaio
Admin

Messaggi : 3936
Data d'iscrizione : 16.05.14

https://labellezzanellarte.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze; Empty Re: Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze;

Messaggio Da Morgan Dom 28 Dic 2014, 13:58

Simeti costa decisamente di piu' rispetto ad anno fa perche' oggi c'e' la moda dell'estroflessione...forse in pochi ricordano che Simeti costava parecchio anche dieci anni fa...era il periodo della mostra alla Galleria Poleschi di Milano. L'avevo anche visitata. Poi finita la mostra le opere hanno cominciato a girare nelle televen dite e come spesso succede i prezzi sono saliti. Finete le opere da vendere i prezzi si sono decisamente abbassati. Ora c'e' la moda dell'estroflessione e i prezzi si sono ripresi. E' un'artista secondo me che risente troppo delle oscillazioni del mercato. Boh, staremo a vedere, ma quando in anno i prezzi passano da 5.000 a 50.000 io non ci ho mai creduto...

Morgan

Messaggi : 234
Data d'iscrizione : 07.12.14

Torna in alto Andare in basso

Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze; Empty Re: Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze;

Messaggio Da salvo Dom 28 Dic 2014, 18:39

https://artsy.net/artwork/turi-simeti-forma-1?utm_medium=email&utm_source=transactional&utm_campaign=personalized_artists_and_artworks

ad aggiudicare dalle gallerie che ormai lo trattano a livello internazionale credo che il mercato sia abbastanza consolidato!
salvo
salvo

Messaggi : 1606
Data d'iscrizione : 01.06.14

Torna in alto Andare in basso

Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze; Empty Re: Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze;

Messaggio Da Notaio Ven 29 Set 2017, 00:01

Su questo artista invece sta succedendo qualcosa di inverso alla rivalutazione di tendenza che solitamente accompagna certi artisti quando partono sotto l'ala protettiva di potenti mercanti.

Le basi d'asta con le aggiudicazioni dell'ultima asta a Vercelli parlano chiaro, in particolare le basi dei due invenduti.
Evidentemente, le voci di corridoio in merito all'uscita dalla protezione di galleristi di gran mestiere, sono fondate.

Vedere un pezzo unico 90x110 a 20mila invenduto, qualcosina significa pensando ai record fatti negli ultimi due anni.

Qui la distanza tra i due mercati si è improvvisamente allargata.


_________________
" Per sfuggire al mondo non c'è niente di più sicuro dell'arte e niente è meglio dell'arte per tenersi in contatto con il mondo" (Johann Wolfgang Goethe)
Notaio
Notaio
Admin

Messaggi : 3936
Data d'iscrizione : 16.05.14

https://labellezzanellarte.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze; Empty Re: Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze;

Messaggio Da salvo Ven 29 Set 2017, 09:09

Caro notaio l artista deve fare l artista !quando vuol fare il commerciante e non lo sa fare accade questo!! Vogliamo fare altri esempi?
salvo
salvo

Messaggi : 1606
Data d'iscrizione : 01.06.14

Torna in alto Andare in basso

Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze; Empty Re: Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze;

Messaggio Da Notaio Ven 29 Set 2017, 12:24

Damien Hirst per esempio, ma poi si è redento, a capo chino tornando all'ovile dal padrone....di punta della dogana.. Very Happy

_________________
" Per sfuggire al mondo non c'è niente di più sicuro dell'arte e niente è meglio dell'arte per tenersi in contatto con il mondo" (Johann Wolfgang Goethe)
Notaio
Notaio
Admin

Messaggi : 3936
Data d'iscrizione : 16.05.14

https://labellezzanellarte.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze; Empty Re: Simeti Turi tra primario e secondario; quali le distanze;

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.